La storia socialista come orizzonte ideale del mondo culturale cinese

mao_borghesiInviare intellettuali, scrittori e registi in aree rurali e regioni popolate dalle minoranze uigure e tibetane è una grande idea, certo non nuova, di derivazione maoista, tuttavia al mondo della cultura non è chiesto di impugnar la zappa, come ai tempi del Grande Timoniere, ma, come accaduto nell’Albania socialista della fine degli anni ’60, di andare in campagna per ricercare modelli autentici di ispirazione per le loro opere, smettendo di ispirarsi a una decadenza esistenzialista e metropolitana.

Continua a leggere