Risorse naturali cinesi: l’Occidente democratico strepita e minaccia

Neodimio ed europio, sono due minerali, senza i quali la produzione mondiale di alta tecnologia, magneti, laser, pale eoliche, panelli fotovoltaici, microcomputeristica, tecnologia medica, a partire dalle apparecchiature per la risonanza magnetica e soprattutto lampadine a basso consumo, non potrebbero essere realizzata. Potremmo aggiungere l’erbio senza il quale non si fanno le fibre ottiche e a questi tre minerali dobbiamo aggiungerne altri 14, ottenendo i famosi 17 elementi chimici chiamati terre rare, di cui la Cina possiede l’80% delle riserve mondiali. Un accordo tra Reagan e Den Xiao Ping, del 1985, agli albori della crescita e dell’impetuosa modernizzazione cinese, metteva a disposizione delle industrie a stelle e strisce e occidentali del campo neo-tecnologico queste risorse. È passato un quarto di secolo ed evidentemente la richiesta interna cinese di alta tecnologia necessita di un decisivo impiego di questi minerali, non più destinabili all’esportazione.

Continua a leggere

Il popolo del Wukan sfiducia dirigenti corrotti e filo-capitalisti

I media di informazione occidentali affermano che il popolo del Wukan, un paese del sud della Cina, si è rivoltato contro i comunisti e che si sarebbero svolte le prime “elezioni libere”, quasi vi fosse una svolta verso elezioni di tipo borghese. Niente di più falso: la popolazione si è ribellata contro Xue Chang, un leader corrotto che era al potere da 42 anni che gestiva in modo clientelare il locale Partito Comunista e che stava perseguendo una linea politica non socialista: egli, infatti, stava tentando pure di vendere dei terreni della collettività a dei capitalisti. La popolazione ha invece dato origine a una protesta di massa per difendere il socialismo e riportare il Partito sulla giusta linea, scontrandosi anche con la polizia agli ordini di Xue Chang: organizzata in assemblee di base la cittadinanza ha eletto – in piena sintonia con le leggi cinesi solitamente giudicate “non libere” in Occidente – un anziano contadino maoista di 62 anni, Lin Zuluan, quale nuovo segretario locale del Partito Comunista, che è stato così epurato di quegli elementi che, accecati dalla crescita economica, avrebbero preferito tradire la via socialista.