Le cooperative collettive agricole sono in aumento

Secondo una tesi assai diffusa nella sinistra occidentale, non sono esistite quasi più cooperative rurali in Cina poco dopo la morte di Mao. E’ del resto tutto falso. Il quotidiano del Popolo del 21 agosto 2010 (“China rural cooperatives help boost farmers, income”) ha riportato che a Marzo del 2010 esistevano ormai più di 27.000 cooperative agricole in Cina, quasi il triplo di quelle invece operanti alla fine del 2008: coinvolgendo già ora decine di milioni di contadini associati alla “linea rossa” e godendo di forte sostegno politico-economico da parte dello Stato cinese. Nel completo silenzio dei giornali occidentali dal 2007 nelle campagne sta ormai crescendo una gigantesca ondata cooperativa assolutamente volontaria la quale ha fatto in modo che all’inizio del 2010 più di un villaggio cinese su tre abbia al suo interno una cooperativa di produzione agricola.
Non a caso il Global Times (28 giugno 2010, “ Small farmers are harvesting the big market”) ha sottolineato che è la seconda volta dopo il 1953/56, che i contadini cinesi “si stanno organizzando per lavorare insieme”, per produrre assieme in modo cooperativo: una notizia di non poco conto, che sta interessando la vita quotidiana di centinaia di milioni di persone del gigantesco paese asiatico.

Fonte: M. Leoni e R. Sidoli, “Il ruggito del dragone” ed. Aurora

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...